PassepARTout Unconventional Gallery
PassepARTout Unconventional Gallery

Lorenzo Villa

LORENZO VILLA Nasce il 7 Aprile del 1973 a Besana in Brianza (MB).

Frequenta l'Istituto Statale d'Arte "Villa Reale di Monza", dove ottiene il diploma di Maestro d'Arte.

Grazie alla collaborazione con diverse gallerie d'arte, partecipa a numerose mostre collettive, personali e a fiere di livello internazionale: Milano, Padova, Firenze, Tortona, Roma, Napoli, Barletta, Latina, Pavia, Ferrara, Menaggio, Bellagio, Lecco, Piacenza, Arcore, Monza, Mosca, Providence (USA).

Le sue opere fanno parte di collezioni private italiane ed estere: Austria, Francia, Giappone, India.

Gli ultimi lavori su plexiglass ,( ALTRE IMPRESSIONI ), sintetizzano i vari periodi della sua produzione artistica.

 

Lorenzo Villa descrive sogni, e lo fa accostando diversi livelli semiotici, inserendo i personaggi in uno scenario moderno eppure indefinito e onirico. Sono bambini e ragazze che camminano e danzano per le strade della periferia urbana, carichi della grazia e del peso delle idee. I pensieri si traducono in messaggi tracciati rapidamente su di una nuova superficie scabra, utile a esprimere l’urgenza delle emozioni. In questo mondo d’intrecci, non c’è spazio per le elaborazioni concettuali: basta una singola parola, uno slogan per trasmettere il significato essenziale do ciò che agita la società. Lo sguardo si sofferma su un frame che blocca un istante fotografico, catturando tutto il dinamismo de un’azione, ma il percorso degli individui si spinge verso altri panorami, questa volta interiori. Ci si ritrova così a contemplare una valle spoglia, (l’esatto contrario della città brulicante), dove solo un albero stilizzato e nervoso, diventa insieme riparo e concretizzazione dell’incertezza psicologica, come se il flusso elettrico dell’attività neuronale si fosse manifestato in una selva di tratti veloci ed esplosivi, vicino al linguaggio del fumetto d’autore. I cani, una bimba, un uomo… i protagonisti sono fermi davanti all’orizzonte, quasi in attesa di Godot e la loro mente si apre al futuro e si chiude in una riflessione totalmente privata. In ogni caso resta un leggero alone spirituale che modula la declinazione dei desideri e di una bellezza ermetica, sfiora la trascendenza mistica di un portale perso in lontananza o si distingue nelle forme scherzosamente ritagliate nella natura. L’uso bilanciato di pochi colori, che spiccano sui toni del bianco e nero, sottolinea il duplice spostamento, (reale e metaforico), e il ritorno costante di alcuni elementi chiave: è un lavoro di sottrazione che sembra voler dar corpo e movimento a quelle immagini che nascono dal fondo della coscienza e s’imprimo sulla retina. L’utilizzo di materiali innovativi dà allo spettatore l’impressione di poter toccare la magia delle lastre lisce e modernissime che si possono porre in sequenza per ricostruire un codice che mescola l’attenzione al dettaglio figurativo e una deriva percettiva astratta. 

 

Dott.ssa  Elena Colombo  Critico d’Arte.

 

 

Contatti

Ci potete contattare inviando le vostre richieste alla e.mail passepartoutgallery@libero.it 

 

 

Stampa Stampa | Mappa del sito
© Passepartout Srl Via Privata Eugenio Donadoni 2 20151 MILANO Partita IVA: 07539470968