PassepARTout Unconventional Gallery
PassepARTout Unconventional Gallery

Federico Villa

Federico Villa (Chiavenna 1970, ma cresciuto milanese), anche designer e
musicista, dopo più di vent'anni di ricerca, attraverso un percorso intimo mai esibito, tira il filodella cucitura che unisce la partenza e l'arrivo delle Arti, cercando il modo di non separarle, di
non distinguerle.
Suonare un quadro, dipingere una canzone, guardare un libro, perdersi in una foto come se
fosse un film.
Le cose del nostro mondo: scrivere, leggere, andare al cinema, guardare un paesaggio o una
scritta su un muro; l'autenticità che ha sostituito la bellezza. Le cose che danno il ritmo
estetico ai giorni, da trascurate a riscoperte.
Collage di immagini e icone che bastano a se stesse, stese su carte e stoffe, le stesse di cui
siamo circondati, che tornano in primo piano, non come imballaggi e supporti, ma da interpreti
che, con le loro pieghe stracciate, ci riflettono, diventando lucide e tese.
Resta il gesto. Il colore abbandona la sua dimensione cosmetica e prende vita propria e materiale.
E la parola.
La parola si trasforma da suono a scritta e immediatamente la si ascolta con l'occhio.
La parola, che in alcune opere scrive e descrive la scena, diventa protagonista.
Nella serie concettuale “l'estetica delle parole” i quadri sono interamente dipinti da parole e
di parole. Parole che hanno un valore estetico quando si sostituiscono alla pennellata, parole
che diventano disegno, trama, superficie e che raccontano. Si uniscono e si mescolano segni
che diventano significato, racconto e gioco, se guardati (e letti) da vicino, e si trasformano in
nebbia e macchie se visti da lontano.
La tela è un'allegoria della pittura e del racconto; l'inizio e la fine (di una storia o dello spazio
di un dipinto) in realtà non ci sono. Come una cucitura ideale che attraversa la trama della
tela, unendo arti diverse; il ritmo – musicale - si fonde con la metrica – poetica – attraverso la
spazialità – pittorica – lasciando lo spettatore libero di partecipare e di osservare una propria
parte di mondo.

 

 

Contatti

Ci potete contattare inviando le vostre richieste alla e.mail passepartoutgallery@libero.it 

 

 

Stampa Stampa | Mappa del sito
© Passepartout Srl Via Privata Eugenio Donadoni 2 20151 MILANO Partita IVA: 07539470968