PassepARTout Unconventional Gallery
PassepARTout Unconventional Gallery

Roberta Cologni

Roberta Cologni nasce a Milano nel 1964,  si diploma presso il Liceo Artistico di Brera,  studia illustrazione all’Istituto Europeo del Design e si specializza in Visual Merchandising. Comincia a lavorare nel settore interior design.  Studia gli effetti terapuetici del colore presso l’istituto di cromoterapia del prof. Pagnamenta a Locarno, conseguendo un diploma di terzo livello in puntocromoterapia.

 

Indirizza la sua ricerca pittorica sperimentando nuove tecniche;  mischia i pigmenti,  tratta i fondi con sabbie e cementi e unisce al colore materiali sintetici e naturali cercando sempre un equilibrio formale ed un cromatismo armonico.

 

Dipinge l’acqua e la musica, ma la sua particolarità sono i ritratti che realizza con paziente alchimia, unendo al colore, foto, poesie e oggetti appartenenti al soggetto, superando la semplice somiglianza fisica e “raccontandone” così l’essenza.

 

Dice del suo lavoro: “Ogni linea è unica per significato e diversa per forma, materia,  spessore o colore, ma tutte hanno come unico scopo quello di abbracciare il soggetto rendendolo così parte di un disegno più grande”

 

Nel 2001 partecipa per la prima volta ad un concorso di pittura a tema (Città di Melzo) classificandosi al 1° posto con il soggetto “Vento di primavera” (giuria presieduta da Ibrahim Kodra).

Dal 2002 ha esposto con mostre personali e collettive in Italia, in Francia, in Spagna e alcuni quadri sono esposti ad Hong Kong.

 

 

I  ritratti

 

C’è  un  modo per ritrarre i luoghi o le persone, che va oltre la semplice somiglianza fisica. Questo è ciò che ricerco nelle mie opere. I ritratti che realizzo sono somiglianti nell’essenza, nell’aura cromatica propria e intima che il soggetto emana e che percepisco. Poi con paziente alchimia aggiungo la timbrica dei materiali, propri di “quel luogo” o appartenenti a “quella persona”.                           

In questo modo avviene la “magia”... così il ritratto può raggiungere l’essenza singolare e inconfondibile del soggetto. Li definisco “I ritratti dell’anima”.

 

L’acqua

 

L’acqua... di fiume, di pioggia... di mare... Questo elemento vivo e vitale, insostituibile, indispensabile, mi è caro il suo odore, il suo rumore, il suo movimento.

 

La cerco nei miei quadri attraverso i piccoli bagliori argentei, attraverso la sua luce mobile, attraverso la sua trasparenza... e rivive in me con i suoi simboli: fecondità, abbondanza, cristianità, vita... ed infine silenziosa pace. Le esposizioni con questo soggetto hanno il titolo “La luce dell’acqua”.

 

La musica

 

La musica è entrata nella mia vita e nelle mie giornate attraverso il flauto di mia figlia e i suoi esercizi ripetitivi. La musica che sale, scende e vola e come un filo lega i pensieri, poi li scompone... e per un momento ti perdi, ma subito dopo ti riafferra... e sei di nuovo qui...

 

I titoli di queste esposizioni sono “I colori della musica” e “Note di colore”

 

 

I pensieri

 

I pensieri si formano, si fermano, girano in tondo e poi ripartono. Nascono da una parola, da una poesia, da un cielo, da una visione, da un orizzonte. Ogni cosa intorno a me contribuisce a dare una forma ai miei pensieri.    

 

Nei miei quadri descrivo la vita nel suo fluire, nel suo fluttuare. Le linee ondeggiano, si incontrano, si interrompono o si ricompongono. Come pensieri, alcune linee si sovrappongono adagiandosi su solchi già tracciati, altre indugiano, descrivendo ampie curve prima di perdersi.

 

Ogni linea è unica di significato e diversa per forma, materia o spessore, ma tutte hanno come unico scopo quello di abbracciare il soggetto annullando la sua singolare solitudine, rendendolo così parte di un disegno più grande. I titoli di queste esposizioni sono: “La forma dei pensieri” “Colore in chiave di donna”

 

 

Usci e Gusci

 

Sono piccoli quadri che raffigurano USCI, porte, passaggi, limiti... da oltrepassare, barriere da superare, simbolicamente rappresentano il coraggio e la volontà e contengono GUSCI, baccelli, semi o scorze... corazze di protezione, armature! Insieme gli usci e i gusci diventano un luogo, un nido, un porto... una casa...

 

Una porta sul sogno... un guscio al bisogno!

 

Gli usci vanno verso la speranza, i desideri, la fantasia o ovunque si desideri andare, i gusci ti accolgono e ti proteggono. In ognuno è nascosta della musica e una  poesia.

 

 

Contatti

Ci potete contattare inviando le vostre richieste alla e.mail passepartoutgallery@libero.it 

 

 

Stampa Stampa | Mappa del sito
© Passepartout Associazione Artistico Culturale 20151 MILANO