PassepARTout Unconventional Gallery
PassepARTout Unconventional Gallery

Giuseppe NICOTRA

Giuseppe Nicotra nasce a Catania il 12 settembre 1970. Inizia a dipingere da autodidatta dopo essersi trasferito a Londra nel 1990 esplorando e sperimentando stili, culture e correnti artistiche diverse. Rientrato in Italia nel 2000 dopo varie ricerche, intensi ed approfonditi studi dei lavori di grandi maestri come :  De Stael, Vedova,  Afro , Picasso, ed ancora sull’arte concettuale , cubismo, espressionismo astratto, Nicotra nel 2005,  apre il suo studio a Catania ed approda all’arte informale.

 In Nicotra siamo di fronte ad una pittura neo-informale fatta di astrazione, di gesto, di materia, di forza espressiva, che vede l’autore immerso in una ricerca visionaria dei substrati della pittura, il suo lavoro si è evoluto dai paesaggi espressionistici ad un personale modo di vivere la materia, dipingendo paesaggi della mente apparentemente senza forma, una pittura fatta di emozione, di colore, di tragedia interiore.

E’ difficile pensare all’acqua come qualcosa di materico, ad una crosta che vuole incollarsi ad un fotogramma e non scivolare più. Avvolgere la tela di materia, quasi a stringerla, per mantenerla in un abbraccio silenzioso ma costante, dove è il braccio più vicino al cuore a creare un legame, un filo sottile ma resistente, tra il gesto rapido della pennellata ed il pensiero, il ricordo. Un legame sommesso, ma tanto atteso, che si concretizza nella materia. E’così che l’acqua prende forma. La luce crea spessore ed il ricordo si fa crosta, la reminiscenza di qualcosa che fu, che emerge alla coscienza e si fa “cacciatore di nuvole” in uno spazio senza tempo dove tutto è lì … è sempre stato lì, coperto da uno strato di corteccia che profuma di bosco, di montagna, che ha nel suo strato la salsedine del mare in tempesta, la malinconia di un tramonto, ma dove dietro al primo ed effimero senso di inquietudine, si apre il calore ed il ristoro di una casa … a volte lontana, desiderata, a volte fuggita.

Il colore diventa voci da ascoltare, e non solo quelle di “Icaro”, voci che si incastonano nel volto di una donna tanto pensata o nell’ombra nostalgica di un uomo che vuole solo essere compreso, voci che hanno l’esigenza vitale di essere intrecciate tra loro “essere”.

E’ il vulcano guardato di notte, è la colata lavica che solca il terreno dal rumore che inquieta, è il mare immenso in cui specchiarsi, è il Cristo da ricercare,  è un giardino segreto immobile da scoprire,  è la luna quando hai la notte dentro, è il calore bruciante della piana di Catania d’estate, l’orizzonte dove il sole muore per rinascere . E’ l’abisso tenebroso del mare dal quale riemergere per respirare e capire che “tutto è un dono dell’universo!” 

Contatti

Ci potete contattare inviando le vostre richieste alla e.mail passepartoutgallery@libero.it 

 

 

Stampa Stampa | Mappa del sito
© Passepartout Associazione Artistico Culturale 20151 MILANO