PassepARTout Unconventional Gallery
PassepARTout Unconventional Gallery

Bruno Tosi

Bruno Tosi è nato a Milano l'8 gennaio 1937, dove vive e lavora in Via Anton Cechov 20.

Dopo gli studi di maturità, ha frequentato la Facoltà di Lettere e Filosofia all'Università degli Studi di Milano. Oltre che pittore e mosaicista, Tosi conosce le varie tecniche della stampa, come la litografia, la serigrafia, l'acquaforte, la punta secca. Tecniche con le quali si è espresso in questi ultimi anni, dando alla luce fogli di grafica "d'autore" raccolti poi in edizioni speciali.

La pittura di Tosi è una pittura narrativa. I suoi quadri sono racconti. Situazioni ed eventi sono realistici. Personaggi noti e personaggi anonimi sono tutti individuati ed individuabili. Il punto di partenza espressivo di Tosi è apparentemente quello della neofigurazione. Il punto di arrivo non è, tuttavia, documentario: il racconto è costruito in modo più complesso: il realismo è solo una condizione di leggibilità dei segni; il racconto pittorico è in realtà un messaggio politico, emblematico, una metafora. Tosi, che pure vive isolato e si è offerto poche occasioni di confronto con la ricerca dei pittori suoi coetanei, ha percorso, individualmente e istintivamente, molti dei tracciati sperimentali della giovane pittura italiana del secondo dopoguerra. Ha sperimentato il trattamento dell'immagine secondo le tecniche dello sviluppo del retino fotografico; ha sperimentato gli effetti della dilatazione dei particolari tipico della pittura pop; ha sperimentato la ridondanza spettrale degli oggetti tipica dell'iperealismo. E subito, fin dai tempi della Biennale di Milano del 1965 si è scoperto parentele con Adami, Spadari, Baratella. Ma fin d'allora i suoi quadri hanno una particolarità: sia che partano da dettagli documentari, sia che partano da dettagli simbolici, il risultato è quello di evidenziare un discorso metafisico-esistenziale. Uomini, animali, cose (realtà naturale e realtà sociale) finiscono per risultare, nei suoi quadri, reperti archeologici di un mondo distrutto dalla violenza. Nonostante l'apparente lirismo o l'elegia (o, in certi casi, l'accento sentimentale) dei particolari delle composizioni, il messaggio dei quadri di Tosi è drammatico, emblematico e comunque non naturalistico.
120 Mostre personali in Italia ed all' estero dal 1966.  Oggi è in permanenza con la Passepartout e con essa partecipa ad importanti eventi artistici e culturali internazionali. 

Nel 2018 la Scuderia Ferrari Club ha realizzato il Calendario Benefico pubblicando opere inedite del Maestro Tosi, dedicate al mito Ferrari.

Contatti

Ci potete contattare inviando le vostre richieste alla e.mail passepartoutgallery@libero.it 

 

 

Stampa Stampa | Mappa del sito
© Passepartout Associazione Artistico Culturale 20151 MILANO